Positivo il confronto con i tecnici di Arpa - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

archivio notizie - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

Positivo il confronto con i tecnici di Arpa

 

Trezzano sul Naviglio, 30 novembre 2017 – Traffico e inquinamento causato dall’eccessivo numero di auto che attraversano territorio. Sono queste le preoccupazioni di tanti trezzanesi che chiedono analisi puntuali: preoccupazioni condivise dall’Amministrazione comunale che intende attuare tutte le misure utili per migliorare la situazione del territorio. 
A fine gennaio prenderà il via la campagna di misurazione e campionamento dei livelli di inquinamento richiesta e ottenuta da Arpa, così come annunciato nei giorni scorsi. 

“Ieri pomeriggio – spiega il sindaco Fabio Bottero – abbiamo avuto un incontro estremamente positivo con i responsabili del settore Monitoraggio ambientale di Arpa. Ho personalmente invitato i rappresentanti di tutti i comitati di quartiere e alcune associazioni per capire insieme gli interventi dell’Agenzia regionale, avanzare proposte, spiegare le criticità del nostro territorio. I responsabili di Arpa hanno chiarito la scelta di largo Risorgimento come luogo per il posizionamento del laboratorio mobile e, su nostra richiesta, si sono impegnati a verificare la possibilità di utilizzare anche altri strumenti in via Indipendenza dove i cittadini segnalano una concentrazione eccessiva di polveri fin sui balconi”. 

All’incontro erano presenti Antonio D’Ambrosio (Comitato TR1), Maurizio Coppo (Comitato Azalee), Biagio Mignemi (Comitato Boschetto), Aldo Marchesini (Protezione Civile), Michele D’Errico (Associazione Nazionale Carabinieri). Con loro e il sindaco, anche l’assessore alle Politiche ambientali Cristina De Filippi, il responsabile del Settore Infrastrutture e il comandante della Polizia locale. 

“Al termine della campagna di monitoraggio – spiega l’assessore De Filippi – organizzeremo con Arpa un incontro pubblico per spiegare meglio ai cittadini il lavoro fatto. È chiaro che intervenire in un solo territorio non potrà mai essere sufficiente perché i livelli di inquinamento dipendono da diversi fattori, le condizioni meteo, il traffico, i riscaldamenti, perfino la distribuzione di letami e liquami, vietata infatti dal 1° dicembre 2017 al 31 marzo 2018 per evitare l’eccessiva formazione di particelle di ammoniaca. Servono certamente interventi strutturali ma occorre anche modificare (ma davvero) le nostre abitudini e la nostra cultura”. 

“Ringrazio Arpa per la disponibilità e l’apertura al confronto – conclude il primo cittadino – spiace invece per l’assenza di chi diffonde allarmismo, salvo poi sottrarsi al confronto e alla possibilità di fare proposte nei tavoli giusti”. 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (152 valutazioni)