Donne e lavoro, si può fare! - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

archivio notizie - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

Donne e lavoro, si può fare!

 

Trezzano sul Naviglio, 19 marzo 2019 – Le conquiste delle donne vanno raccontate e ricordate. E non va mai dimenticato che i diritti vanno difesi ogni giorno e non sono scontati. 
In occasione della rassegna “Marzo al femminile”, l’Amministrazione comunale e l’associazione Demetra organizzano una serata per incontrare imprenditrici e professioniste trezzanesi che hanno saputo costruire il proprio futuro conciliando lavoro e famiglia, ritagliandosi i propri spazi di realizzazione professionale e personale. 

L’appuntamento è in programma giovedì 21 marzo alle ore 20.45 al Punto Expo di via Vittorio Veneto 30. Saranno presenti Mirella Stefanizzi, amministratrice unica di Milano Color, Ida Senesi, consigliera di amministrazione di Frigor Transport e la chirurga Maria Grazia Vantadori, componente del Tavolo Tecnico Nazionale per le Linee Guida per l’accoglienza delle vittime di violenza domestica.  Coordina la serata l’associazione Demetra Donne

“Conciliare famiglia e lavoro – spiega l’assessore alle Pari opportunità Sandra Volpe – pare talvolta un ostacolo insormontabile per le donne che, spesso senza aiuti e sostegni, sono costrette a rinunciare alla propria professione, talvolta ai propri sogni. Noi vogliamo raccontare modelli diversi, far emergere le eccellenze trezzanesi, alcune tra le tante, donne eccezionali e normali al tempo stesso. Le donne possono fare tutto, hanno il diritto di lavorare, essere mamme (o non esserlo senza essere discriminate per la propria scelta), coltivare i propri interessi, realizzarsi. Possiamo farcela e abbiamo il diritto di avere a disposizione servizi (e compagni!) che ci sostengano e ci affianchino nel nostro percorso”.  

“Le donne di cui ascolteremo le testimonianze – aggiunge l’assessore Volpe – ricoprono ruoli che ancora oggi sono considerati ‘maschili’: esempi positivi di donne che sono riuscite a sfondare quel tetto di cristallo che per molte ancora è indistruttibile. L’Italia infatti, insieme a Malta, è in cima alla classifica del ‘gender gap’ nell’occupazione, ovvero la differenza tra il numero di donne e uomini che lavorano è molto più ampia della media europea. E pur avendo in media un livello di istruzione più elevato degli uomini, e anche un miglior rendimento, guadagnano nel mondo il 22% in meno degli uomini. C’è ancora davvero tanta strada da percorrere”. 
 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (204 valutazioni)