Le donne sono fatte per essere amate - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

archivio notizie - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

Le donne sono fatte per essere amate

 

Trezzano sul Naviglio, 21 novembre 2018 – La violenza non è un destino. È il messaggio della Casa delle Donne Maltrattate di Milano che gestisce il Centro Antiviolenza del distretto di Corsico: a questo Centro, chiamando il numero verde 800 049 722, si possono rivolgere le donne e gli uomini che hanno subito violenza o assistono a episodi di violenza, ricevendo aiuto concreto, informazioni, consulenza legale e psicologica. 
Per uscire dalla violenza, perché la violenza non è un destino. 

In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne l’Amministrazione comunale promuove una serie di iniziative per sensibilizzare uomini e donne: domenica 25 novembre alle ore 17 alla Sala Punto Expo (via Vittorio Veneto 30) l’incontro “Ruah è donna – le donne sono fatte per essere amate”, dissertando fra musica e teatro, con Micaela Turrisi, attrice, Duilio Loi, criminologo/pedagogista, Rick Weston, musicista e Eduardo Affinito, autore dei brani interpretati.

“Attraverso il teatro e le testimonianze – spiega l’assessore alle Pari opportunità Sandra Volpe – rifletteremo sulla violenza, sull’educazione alla parità, sulle donne ‘fatte per essere amate’, non uccise, non disprezzate, non picchiate dai compagni, mariti, ex. Vogliamo anche lasciare dei segni che ci ricordino il significato del 25 novembre anche nel resto dell’anno: per questo abbiamo proposto di dipingere di rosso una panchina nei parchi Clivia, dei Sorrisi, Virgilio e in via Pirandello scrivendovi numero del Centro Antiviolenza di Corsico, grazie alla collaborazione del Comitato Boschetto, dello Spazio Giovani, dell’associazione Lo Zainetto e di Demetra Donne e di Arte & Arti (che allestirà una mostra degli allievi nella Sala Expo). Ringraziamo Mirella Stefanizzi, titolare dell’azienda trezzanese Milanocolor, che ci ha donato il materiale per dipingere le panchine”. 

“In Sala Consiliare, al Socio e al Punto Expo invece – continua l’assessore – una sedia sarà sempre ‘occupata’, un posto occupato da una donna che non c’è più, che non può partecipare ai nostri incontri, non può sedere in Consiglio comunale, non può assistere a uno spettacolo teatrale. Perché è stata uccisa. E noi vogliamo ricordarla e guardando quel posto vuoto abbiamo il dovere di fare il possibile, attraverso il dialogo e l’educazione al rispetto e alla parità di genere, perché altri posti non rimangano vuoti”.  

Anche i ragazzi del Consiglio Comunale (CCR), nella seduta del 10 novembre, hanno parlato della violenza sulle donne e hanno visto il “posto occupato”, mentre i cittadini che frequentano i Gruppi di Cammino in primavera parteciperanno a un percorso tra le panchine rosse dei parchi trezzanesi. Venerdì 23 novembre invece il Servizio di Animazione Culturale in concerto con l’Amministrazione comunale propone la visita guidata al percorso sulle “Streghe” di Milano: una caccia alle streghe della città sulle tracce dell’Inquisizione. Il percorso a piedi si snoda da piazza santo Stefano a piazza Sant’ Eustorgio. 

“Il 25 novembre – conclude il sindaco Fabio Bottero – come tanti Comuni italiani, anche Trezzano sul Naviglio esporrà la bandiera a mezz’asta in segno di lutto per le donne uccise nel nostro Paese e nel mondo, accogliendo l’invito di ANCI. Tutte le iniziative proposte, con la collaborazione delle realtà associative del territorio che ringrazio, hanno un unico obiettivo: tenere sempre alta, in ogni giorno dell’anno, l’attenzione sulla tragedia dei femminicidi”. 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (328 valutazioni)