Incendio capannone, ordinanza per smaltire il materiale - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

archivio notizie - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

Incendio capannone, ordinanza per smaltire il materiale

 

Trezzano sul Naviglio, 9 ottobre 2019 – Vanno rimosse e smaltite le bombolette di gas coinvolte nell’incendio dell’area produttiva occupata dalla società Tree of Light, a tutela della pubblica incolumità e per prevenire eventuali situazioni di rischio e pericolo. 

Questa mattina il responsabile dell’Area Infrastrutture del Comune di Trezzano sul Naviglio ha disposto un’ordinanza prescrivendo alla proprietà del capannone di via Edison coinvolto nell’incendio del mese scorso di “provvedere a smaltire, nel rispetto della normativa vigente in materia di rifiuti, il materiale accatastato nel cortile del condominio aziendale, tenendo conto che tali operazioni dovranno essere condotte da personale specializzato nel settore adottando le opportune cautele del caso”. 

“Compito dell’Amministrazione – spiega il sindaco Fabio Bottero – è la tutela della salute pubblica, per questo abbiamo ordinato alla proprietà del capannone di adempiere alle prescrizioni del personale tecnico di ARPA Lombardia e quindi rimuovere e smaltire correttamente tutto il materiale ancora accatastato nel cortile dell’azienda. Dovrà inoltre recepire eventuali ulteriori indicazioni della Città Metropolitana, autorità competente in materia di rifiuti in modo da garantire la sicurezza delle operazioni di trasporto e smaltimento dei rifiuti”.  

L’incendio – come si legge nel verbale trasmesso dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco – ha interessato attrezzature interne al capannone e un numero imprecisato di bombolette in pressione con propellente infiammabili. Si sono verificati piccoli scoppi che hanno causato danni anche alle proprietà vicine. 

Non si rilevano condizioni di pericolo alle strutture né rilascio di sostanze tossiche volatili in ambiente”: “Questo ci rassicura – conclude il sindaco Bottero – non si sono verificati pericoli per l’ambiente. Anche perché il capannone è privo di amianto, bonificato già anni fa”. 
 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (0 valutazioni)