Decreto 8 marzo, evitare gli spostamenti - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

archivio notizie - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

Decreto 8 marzo, evitare gli spostamenti

 

Trezzano sul Naviglio, 8 marzo 2020 – Il nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio, firmato nella notte, introduce misure molto restrittive per la Lombardia e le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia. 
A tutela della salute di tutti, si invita la cittadinanza ad osservare con attenzione tutte le prescrizioni, evitando il più possibile di spostarsi nel territorio. Ed EVITANDO ASSEMBRAMENTI NEI PARCHI: saranno intensificati i controlli della Polizia Locale ma ognuno deve fare la propria parte responsabilmente.   

Ecco i punti principali del Decreto.
EVITARE OGNI SPOSTAMENTO in entrata e in uscita dalla Regione nonché all’interno dei territori salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o spostamenti per motivi di salute. È CONSENTITO IL RIENTRO presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. 

Si raccomanda a chi ha la febbre sopra i 37,5 °C o ha sintomi da infezione respiratoria di restare a casa e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante

BAR E RISTORANTI saranno APERTI DALLE 6 ALLE 18 con l’obbligo di garantire la distanza di almeno un metro tra i visitatori. In caso contrario SARANNO SANZIONATI CON LA SOSPENSIONE DELL’ATTIVITÀ. 

Consentite le attività commerciali (negozi) SOLO SE garantiscono l’accesso ai luoghi con modalità contingentate per evitare assembramenti e garantire la distanza di un metro tra le persone. Se non fosse possibile, dovranno restare CHIUSE. E i gestori che non garantiranno la distanza SARANNO SANZIONATI CON LA SOSPENSIONE DELL’ATTIVITÀ. 

Restano inoltre SOSPESE le attività di PALESTRE, CENTRI SPORTIVI, PISCINE, CENTRI BENESSERE, CENTRI CULTURALI, SOCIALI, RICREATIVI. Consentiti A PORTE CHIUSE solo competizioni sportive e allenamenti di ATLETI PROFESSIONISTI e atleti di categoria assoluta che partecipano a giochi olimpici o a manifestazioni nazionali e internazionali. 


SOSPESE CERIMONIE di funerali e matrimoni.

Nelle giornate FESTIVE E PREFESTIVE CHIUSE LE MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA nonché gli esercizi commerciali presenti nei centri commerciali e nei mercati. Nei giorni feriali i gestori devono comunque predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro. 
La chiusura NON è disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari. 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (25 valutazioni)