Bando Orti comunali: domande fino al 14 ottobre - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

archivio notizie - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

Bando Orti comunali: domande fino al 14 ottobre

 

Trezzano sul Naviglio, 15 settembre 2020 – Al via il nuovo bando per l’assegnazione di orti comunali: la domanda, da scaricare dal sito del Comune o da ritirare presso la portineria degli uffici di via Boito 5/7, potrà essere presentata fino al 14 ottobre all’Ufficio Protocollo di via IV Novembre dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 o tramite pec: comune.trezzanosulnaviglio@legalmail.it

“Lo scorso giugno – spiega Cristina De Filippi, assessore alle Politiche ambientali – il Consiglio comunale ha approvato il nuovo Regolamento degli Orti comunali con regole più chiare ed eque per l’assegnazione. Un Regolamento condiviso di cui avevamo già parlato in commissione, frutto quindi di un lavoro comune. Gli orti urbani rappresentano un’opportunità di aggregazione e di attività individuale, uno stimolo alla socialità, per questo sono destinati in modo prioritario agli anziani, esclusi dalle attività lavorative. Abbiamo però previsto anche una quota per i giovani e gli adulti senza lavoro in modo da promuovere il rapporto con la terra e il lavoro manuale, nonché per favorire la trasmissione della conoscenza delle persone anziane alle generazioni successive. Potranno partecipare al bando anche le persone con disabilità, crediamo che il contatto con la terra e la natura sia fonte di benessere psicologico, sociale e fisico della persona, migliorandone la qualità della vita e favorendone un percorso di autonomia”. 

L’assegnazione, secondo quanto previsto dal Regolamento vigente, avverrà secondo le seguenti modalità: 
1. 70% scelti tra pensionati over 65 (gli over 85 dovranno presentare certificazione medica che attesti la capacità lavorativa nella coltivazione dell’orto)
2. 20% scelti tra persone disoccupate con età compresa tra i 25 e i 60 anni
3. 10% scelti tra persone con disabilità con invalidità civile che siano abili alla coltivazione. Saranno favoriti i più giovani d’età.

Per la formazione della graduatoria, saranno assegnati punteggi anche in base agli anni di residenza a Trezzano, al reddito, all’età del richiedente. Un solo orto viene assegnato per nucleo familiare. L’orto, inoltre, non può essere trasferito, ceduto o subaffittato ad altri: deve essere coltivato direttamente, pena la decadenza immediata dell’assegnazione.

 

FAQ

1) L'abilitazione di idoneità all'attività di coltivazione dell'orto viene effettuata tramite auto certificazione del candidato oppure tramite un certificato rilasciato dall'ASL di competenza?

In sede di presentazione della domanda, il candidato dovrà dichiarare quanto in essa indicato. Solo in caso di assegnazione dell'orto, l'Ufficio richiederà i certificati di cui all'art. 5 comma 3 del regolamento comunale per l'assegnazione temporanea di aree comunali ad uso orti e cioè la "certificazione che attesti la possibilità di effettuare l'attività di coltivazione dell'orto". 

2) Il disabile deve recarsi in visita di commissione medica che ha rilasciato il Verbale di invalidità?

Il certificato dovrà essere rilasciato dal medico curante con oneri a carico del richiedente qualora richiesti dal medico stesso.

3) Eventualmente qualora si trovi il medico di famiglia che si assuma la responsabilità di emettere tale "abilitazione", il candidato deve sobbarcarsi la spesa del costo del certificato a differenza degli altri candidati?

Il certificato dovrà essere rilasciato dal medico curante con oneri a carico del richiedente qualora richiesti dal medico stesso.

4) A tutti gli altri soggetti viene richiesto un certificato di sana e robusta costituzione e abilitazione a svolgere tale attività?

I certificati sono richiesti solo per le casistiche espressamente indicate all'art. 5 del citato Regolamento.


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (0 valutazioni)