Piano di diritto allo studio, per progettare il futuro - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

archivio notizie - Rete Civica del comune di Trezzano sul Naviglio

Piano di diritto allo studio, per progettare il futuro

 

Trezzano sul Naviglio, 31 dicembre 2020 – La ripartenza dell’anno scolastico 2020/2021 nel mese di settembre è avvenuta nel rispetto di tutte le prescrizioni anti Covid necessarie e fin dall’estate si è reso necessario individuare gli interventi e le modalità di intervento insieme a dirigenti scolastici, uffici comunali e associazioni di genitori per garantire il diritto allo studio di bambini e ragazzi e la loro salute. 
Martedì 29 dicembre il Consiglio comunale ha approvato il Piano di Diritto allo Studio 2020/2021, un documento fondamentale per la comunità scolastica trezzanese e le famiglie che necessariamente ha tenuto conto, quest’anno, dell’emergenza sanitaria che dallo scorso febbraio ha influito sulle nostre vite.

“Nei mesi scorsi – spiega Giulia Iorio, assessore all’Istruzione – abbiamo lavorato a lungo per garantire la ripartenza della scuola, intervenendo sugli spazi e sui servizi, dalla mensa al post orario fino al trasporto scolastico. Un impegno importante proseguito con la redazione del Piano di Diritto allo Studio che garantisce progetti di crescita per i nostri studenti con particolare attenzione ai più fragili, agli alunni con disabilità che hanno bisogno di tutto il sostegno necessario perché anche a loro sia garantito il diritto allo studio”. 

“La scuola – prosegue il sindaco Fabio Bottero – in questi mesi ha dovuto affrontare uno sforzo organizzativo importante. Noi ci siamo messi a disposizione per garantire la ripartenza e abbiamo scelto, nonostante l’aumento delle spese affrontate in particolare per il servizio mensa, di non pesare sulle famiglie, già in sofferenza per l’emergenza sanitaria ed economica. Il Piano di Diritto allo Studio guarda anche al futuro dei nostri ragazzi, con tante proposte di crescita formativa, senza mai venire meno alla sua vocazione principale, improntata sull’aiuto e alla rimozione degli ostacoli che si interpongono tra gli studenti e il diritto allo studio”. 

LA DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE
L’Amministrazione conferma anche quest’anno un investimento imponente a favore delle scuole e delle famiglie e, nonostante l’aumento dei costi per la gestione del servizio di ristorazione scolastica, ha deciso di non pesare sulle famiglie e non ha variato le tariffe. 
Le cifre: 
a favore della popolazione scolastica > 2.128.000 euro (post orario, trasporto scolastico, refezione e controllo qualità, facilitazione e mediazione linguistica, assistenza educativa agli alunni con disabilità)
a favore delle famiglie > 641.000 euro (copertura tariffe mensa per fasce ISEE più basse e spesa a carico dell’Amministrazione per evitare l’aumento della tariffa)
a favore degli Istituti scolastici > 149.000 euro (contributi per manutenzione ordinaria e ampliamento dell’offerta formativa) 
a favore dell’offerta formativa > 97.600 euro (progetti proposti dall’Amministrazione comunale)
mantenimento edifici scolastici > 1.419.385 euro 

ASSISTENZA EDUCATIVA AGLI ALUNNI CON DISABILITÀ E FACILITAZIONE LINGUISTICA
Per i 118 alunni con disabilità che frequentano gli Istituti scolastici trezzanesi, il Piano prevede l’assegnazione di 784 ore settimanali per l’assistenza educativa a cura della cooperativa Socialnis, con un impegno di spesa da parte dell’Amministrazione comunale di 485 mila euro
Confermato anche il progetto “Scuola Mondo” (del valore di 20 mila euro) riservato ai 300 alunni stranieri presenti nelle scuole trezzanesi: interventi per favorire il loro inserimento nel gruppo classe e sostenerli nel passaggio dalla lingua parlata alla lingua scritta dello studio. Non solo, si offre un supporto nelle procedure di iscrizione e aiuto agli insegnanti nella comunicazione delle famiglie (vengono tradotte anche le circolari). 

REFEZIONE SCOLASTICA
Le norme anti Covid hanno modificato notevolmente l’assetto organizzativo del servizio, passando dal self-service al consumo del pasto direttamente in aula. 
La società di ristorazione ha aumentato il personale, ha modificato il piano dei trasporti del cibo e stabilito altri cambiamenti organizzativi per assicurare il rispetto delle disposizioni anti Covid. 
Questo ha comportato l’aumento dei costi dei pasti, che non peseranno sulle famiglie: le tariffe non variano, non ci sono aumenti. 

SOSTEGNO ALL’OFFERTA FORMATIVA
Ad ogni Istituto scolastico l’Amministrazione eroga 50 mila euro per l’ampliamento dell’offerta formativa. All’Istituto Franceschi, per esempio, c’è lo sportello psicologico per genitori, studenti e docenti, il progetto sportivo a cura della Trezzano Basket, il laboratorio Teatro Musica, mentre all’Istituto Gobetti il progetto Cittadinanza, il progetto Sicurezza, oltre ai libri in comodato d’uso per la scuola secondaria, il medico e il materiale per pulizia e primo soccorso. 
Prosegue inoltre per il terzo anno scolastico l’accordo tra il Comune e le scuole per la realizzazione di interventi di manutenzione ordinaria degli edifici gestiti direttamente dagli Istituti (26 mila euro per il Franceschi e 22 mila euro per il Gobetti). 

LE PROPOSTE FORMATIVE DEL COMUNE
Diversi sono i progetti proposti alle scuole dall’Amministrazione comunale. Dalle attività a cura delle Biblioteche comunali al Consiglio comunale delle Ragazze e dei Ragazzi fino ai percorsi di educazione ai buoni comportamenti in collaborazione con la Polizia Locale, la Protezione Civile e l’Associazione nazionale Carabinieri sez. Salvatore Nuvoletta
L’emergenza sanitaria ha forzatamente influenzato tutti i settori della vita dei cittadini, ponendo vincoli ad una quotidianità chiamata negli ultimi mesi a diverse forme di cambiamento e adattamento. Tutti i settori sono stati colpiti, ma in particolare: lavoro, scuola e famiglia. L’Amministrazione Comunale ha organizzato un ciclo di conferenze sull’argomento per dare risposta alle principali criticità coinvolgendo le agenzie educative quali: famiglia e scuola. Tre incontri di 2 ore ciascuno in modalità Webinar , tenuti dal dott. Duilio Loi e con il coinvolgimento attivo e partecipativo di genitori, studenti e insegnanti.
Non mancheranno anche quest’anno, se possibile, le attività di educazione ambientale in collaborazione con l’assessorato alle Politiche ambientali e l’associazione Salvambiente e l’associazione Naturalistica Sylvia (anche a distanza), oltre al nuovo progetto “Selva in città”, con giochi educativi a cura di Mission Bambini in collaborazione con Selva Urbana. Tra le proposte, anche il “Progetto Water Game” a cura del Gruppo CAP
Fondamentale anche il contributo delle associazioni di genitori “Noi con Voi” (Istituto Franceschi) e “Sotto il noce” (Istituto Gobetti). 
 


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (19 valutazioni)